08 – MOJUD: L’uomo dalla vita inesplicabile

Questa settimana la meditazione consiste in un intero discorso di Osho, mai pubblicato in italiano, tradotto e letto per te.

L’argomento è un particolare racconto della tradizione Sufi che mi ha molto impressionato quando ne ho sentito il commento per la prima volta, all’inizio della mia relazione con Osho nel 1979.

Parla di un personaggio di nome Mojud e delle sue inesplicabili scelte di vita e parla del Maestro Interiore e di come la nostra capacità di fidarci della sua guida sia decisiva per la nostra vita.

Trova il tempo per ascoltarlo e lascia che sedimenti nel tuo cuore: si trasformerà in una fonte di saggezza straordinaria.

(Forse alcuni passaggi potrebbero sembrarti non attuali perché il Maestro non è più in un corpo fisico, ma è sufficiente leggere “Vita” al posto di “Maestro esteriore” (esteriore, perché quello interiore è sempre con te) ed ecco che il messaggio torna ad impattare con tutta la sua forza). 

La Storia di Mojud, l’uomo dalla vita inesplicabile (6′ 20″)

Scarica l’audio: clicca con il tasto destro e scegli “salva con nome”.

Leggi il testo

 

L’introduzione di Osho (21′ 32″)

Leggi il testo

 

Il commento di Osho (58′ 57″)

Leggi il testo

 

art_2_8

 

Torna alla Home.

 

 

4 risposte a 08 – MOJUD: L’uomo dalla vita inesplicabile

  1. Sanmarga ha detto:

    Carissimo Anand, grazie per la tua lettura che è un po’ più di una lettura…forse è un piacevole ripercorrere tutto quello che il maestro ha voluto lasciare in eredità. Sento molto la tua presenza quando leggi e ciò mi aiuta a riconnettermi ogni volta. Un abbraccio! Sanmarga

    "Mi piace"

  2. Samyo ha detto:

    Love Anand,
    sono Samyo,stò seguendo il tuo corso di meditazione ,ma è la prima volta che ti scrivo un commento.
    Innanzitutto volevo esprimere la mia profonda gratitudine per la possibilità che mi dai con questo tua opera.
    Oggi ho ascoltato l’audio di Majud e il commento di Osho,ho avuto la comprensione che il mio voler essere qualcosa o qualcuno anche se positivo è prodotto ancora da un sottile ego che ancora mi appartiene,devo solo essere,dopo questa comprensione per un pò sono scomparso.
    Non posso spiegarti la sensazione,sicuramente capisci.
    Grazie Anand,un immenso abbraccio Samyo.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...